Wikimedia Blog/Drafts/Wikisource vision development - June

Wikisource vision development - JuneEdit

June has been a full month for the Wikisource Vision Development project, with some awesome and some challenging experiences. We have so many things to tell you about that a few of them won't even fit in this post. If you want further details, please drop us an email.

 
Open Access logo

But let's get started. First, David and Andrea attended different conferences: David was at LODLAM, a gathering of people interested in LOD (Linked Open Data) and LAM (Libraries, Archives, and Museums), which proved to be a great occasion to find partners and raise awareness about the Wikisource revitalization effort! The audience was very diverse, not only with representatives from cultural institutions, but also from some research centers and private companies. The Open Knowledge Foundation, Europeana, Digital Public Library of America, and other big players had representatives there. David was the only person from the Wikimedia movement, so he ended up representing "all the wiki things," especially Wikidata.

On the other hand (and on the other side of the Atlantic), Andrea was participating in OAI8, the Open Access conference held every two years at CERN (but he was not the only Wikipedian there...)

Open Access is an "open" movement dedicated to scientific and academic literature. It claims that scientific articles and books should be free (as in "free speech"), given that the academic community writes and controls its research for free (as in "free beer"). Why should we not treat academic and scientific knowledge as a "commons"?

Open Access and the Wikimedia movement are a match made in heaven. Both are committed to free access to information and both support free licenses like CC-BY and CC-BY-SA. This is paramount: It is our belief that Wikisource can be a fundamental asset for open access, as an integrated, connected digital library of high-quality, free-licensed books and texts.

To demonstrate this, we now are uploading a CC-BY licensed book on Wikisource: Oral Literature in the Digital Age: Archiving Orality and Connecting with Communities (2013). You are invited to help us with the formatting and are very welcome to cite it as a source for Wikipedia articles.

Beside these conferences, as true Wikimedians, our work has occurred mostly online ;-) Of course, David could not help but to set up several Request For Comments (he likes to ask for community feedback. A lot.) The first RfC is about the new workflow for uploading books when the three Wikisource-related Google Summer of Code projects will be finished. The second one is about sharing bibliographic sources used in all Wikipedias through Wikidata and if a new entity should be created for this information.

But here's the best, most exciting news. Thomas, our beloved code wizard, explained his strategy for the Wikisource transition to Wikidata, and the Wikidata team approved. The Wikidata development team and Tpt will start working on the transition soon, and it is quite possible that the first phase, centralization of language interwiki links for author pages, will be active this summer.

Last but not least, don't forget about the ongoing effort to create a Wikisource User Group. The more of us there are, the funner it is.

Andrea Zanni, User:Aubrey
David Cuenca, User:Micru

ItalianoEdit

Giugno è stato un mese pieno, complicato e bellissimo per il progetto WVD. Abbiamo un sacco di cose da dirvi su quello che sta succedendo (tanto che alcune non ci staranno qui; se volete ulteriori dettagli, mandateci una mail).

Per prima cosa, David e Andrea hanno partecipato a due conferenze.

David è stato a LODLAM, un meeting di persone interessate ai LOD (cioè i Linked Open Data) e i LAM (acronimo per libraries, archives and museums cioè biblioteche, archivi e musei): una grande opportunità di trovare partner e aumentare la consapevolezza verso lo sforzo di rivitalizzazione di Wikisource! Il pubblico era molto vario, proveniente non solo da istituzioni culturali, ma anche da centri di ricerca e aziende. Open Knowledge Foundation, Europeana, Digital Public Library of America e altri grandi attori dell'open knowledge avevano inviato dei loro rappresentanti. David era l'unica persona proveniente dal movimento Wikimedia, così ha finito per rappresentare, bhè, tutte le cose wiki (soprattutto Wikidata).

 
Open Access logo

D'altra parte (e dall'altra parte dell'Atlantico), Andrea ha partecipato ad OAI8, l'Open Access Conference che si tiene ogni due anni presso il CERN (ma lì non era l'unico wikipediano...). L'Open Access è un movimento "open" dedicato alla letteratura scientifica e accademica: pretende che la letteratura scientifica (gli articoli, i libri) siano gratis e rilasciati con licenza libera, coerentemente con la tradizione accademica che vede gli autori scrivere e revisionare gratuitamente tutta la produzione scientifica.

Perché allora non dovremmo trattare la conoscenza accademica come un "bene comune", trincerandola dietro i paywall dei grandi editori?

L'Open Access e Wikimedia sono un matrimonio ideale. Entrambi sono impegnati per l'accesso all'informazione, entrambi amano le licenze libere come la CC-BY e la CC-BY-SA. Questa interoperabilità fra licenze è fondamentale: è infatti nostra convinzione che Wikisource potrebbe essere un alleato fondamentale per l'accesso aperto, offrendosi come una biblioteca digitale integrata di testi liberi di altissima qualità. Per dimostrarlo, stiamo caricando un libro (rilasciato in CC BY) sulla Wikisource in inglese: Oral Literature in the Digital Age: Archiving Orality and Connecting with Communities, pubblicato nel 2013. Ci piacerebbe, ad esempio, che la comunità (cioè, tu) potesse usarlo come fonte per gli articoli di Wikipedia sulla letteratura orale.

Ma oltre a partecipare a convegni e conferenze nella vita reale, da veri Wikimediani quali siamo, il nostro lavoro è stato principalmente online ;-)

Certo, David non poteva esimersi dal creare un po' di Request For Comments :-) (gli piace moltissimo chiedere feedback della comunità.) La prima RfC riguarda il nuovo flusso di lavoro per il caricamento dei libri, che sarà implementato quando le tre Google Summer of Code relative a Wikisource saranno concluse. La seconda riguarda il centralizzare e condividere le fonti bibliografiche utilizzate in tutte le voci di Wikipedia attraverso Wikidata.

Ma la migliore notizia viene da Thomas, il nostro biblio-mago del codice. Thomas ha illustrato la sua strategia per la transizione di Wikisource verso Wikidata al team di sviluppo di Wikidata, che lo ha approvato. Il team e Thomas stesso inizieranno a lavorare alla transizione al più presto, ed è del tutto possibile che la prima fase di centralizzazione degli interwiki per le pagine Autore sia attiva già a fine estate.

Ultima cosa, ma non meno importante: non dimenticare che stiamo creando il Wikisource User Group. Ci servi anche tu (più siamo, più è divertente :-).

Andrea Zanni, Utente: Aubrey
David Cuenca, Usuari:Micru