Resilienza e sostenibilità della comunità/Dicembre 2020 Impegno della Fondazione a sostegno dei volontari LGBT+

Other languages:
Bahasa Indonesia • ‎Bahasa Melayu • ‎Deutsch • ‎English • ‎français • ‎hrvatski • ‎italiano • ‎עברית • ‎فارسی

Il mio nome è Maggie Dennis. Sono la vicepresidente di Community Resilience and Sustainability presso Wikimedia Foundation. Supervisiono i team Trust and Safety (operazioni e politiche) della Fondazione, il team di sviluppo della comunità e l'imminente responsabile della Fondazione per i diritti umani.

Il 2 dicembre, ho incontrato i rappresentanti del Wikimedia LGBT+ User Group insieme a diversi membri del personale di Trust and Safety, incluso il Global Head Jan Eissfeldt, per comprendere alcune delle sfide affrontate dai membri del gruppo come volontari nel nostro movimento internazionale. È evidente che molti volontari che si identificano apertamente come LGBTQIA + sono presi di mira e attaccati per la loro identità, con editor transgender, non binari, queer e queer femministe in particolare, a più alto rischio di tali abusi. I membri del gruppo che si sono incontrati con noi hanno espresso preoccupazione per la sicurezza e il benessere anche di altre comunità e gruppi emarginati.

Nel mio ruolo, e parlando per conto della Fondazione, scrivo oggi per ribadire, rafforzare e affermare con fermezza il nostro impegno a sostenere i volontari LGBTQIA+ nel nostro movimento, così come altri che affrontano l'esclusione e l'ostilità sulla base di fattori di identità. [1]

Il movimento Wikimedia si basa sul valore dell'inclusività, che chiunque può svolgere un ruolo non solo nel ricevere, ma anche curare e condividere la conoscenza. Ciò che i volontari sono stati in grado di realizzare nei progetti Wikimedia è straordinario, ma il movimento non raggiungerà mai il suo pieno potenziale se non colmiamo il divario di diversità che le nostre comunità hanno definito così abilmente nel processo di strategia del movimento. Continuano a esserci barriere nel nostro movimento per LGBTQIA+, donne, comunità indigene e altri gruppi sottorappresentati. Come movimento siamo stati chiamati da un gruppo ampio e diversificato di membri del nostro movimento a promuovere l'inclusività e ridurre i danni ai nostri partecipanti.

Alla luce di ciò, uno dei miei team è stato diretto dal Consiglio di fondazione (tra le altre richieste) per facilitare la redazione del Codice di condotta universale richiesta nelle raccomandazioni della Strategia di movimento. Questo documento redatto in collaborazione è stato sottoposto a una significativa revisione da parte della comunità in settembre e ottobre ed è attualmente all'esame del Consiglio. Successivamente lanceremo una seconda fase di quel lavoro a gennaio, intesa a portare a percorsi di applicazione che renderanno i nostri progetti spazi sicuri per tutti i volontari.

In seguito all'incontro del gruppo di utenti LGBT+, stiamo anche incorporando nei nostri piani il supporto facilitato per il gruppo di utenti LGBT+ e altre organizzazioni affiliate a Wikimedia incentrate sulle comunità emarginate per riunirsi e discutere meccanismi migliori per supportare i volontari che sono presi di mira sulla base dell'orientamento sessuale, sesso, razza, religione, etnia o altri fattori di identità. Ci aspettiamo di consolidare i piani e avviare conversazioni a gennaio e pubblicheremo informazioni su come partecipare.

Inoltre, vediamo l'urgenza e l'opportunità di fare di più per soddisfare le esigenze del gruppo di utenti LGBT+ e di altri. La funzione Resilienza e sostenibilità della comunità della Fondazione si collegherà più strettamente con il gruppo di utenti LGBT+ in futuro per garantire che il personale della Fondazione comprenda meglio le esigenze di questa comunità, soprattutto ma non esclusivamente nel nostro lavoro professionale su fiducia e sicurezza.

Ci impegniamo a sostenere i volontari nella partecipazione sicura al nostro movimento e vogliamo essere certi che, per mancanza di comprensione, non facciamo del male a noi stessi. Ciò include:

  • l'adozione e la diffusione presso il personale della terminologia migliore quando si conducono sondaggi nella comunità,
  • la garanzia che i volontari abbiano un accesso più facile alle strutture di segnalazione esistenti ora, anche se costruiamo altri percorsi di applicazione nell'UCoC,
  • vigilando che gli incidenti in cui si trovano le persone prese di mira per fattori di identità, siano adeguatamente riconosciuti e affrontati nei nostri sistemi Trust & Safety e
  • esplorando le opzioni di supporto tra pari.

Ringrazio i membri dell'user group per averci invitato a unirci a loro. Sono entusiasta e stimolata da quella conversazione e non vedo l'ora di trovare I modi per migliorare. Spero che altre persone nella comunità si uniranno alle discussioni UCoC ospitate pubblicamente a partire dall'inizio del nuovo anno per migliorare la sicurezza di tutti i membri della comunità. Aquesto aiuterà a garantire che i volontari in tutto il movimento e in tutti gli spazi del movimento, online e offline, abbiano l'opportunità di contribuire in sicurezza. Le persone dovrebbero sentirsi accolte per contribuire alla nostra missione collettiva e importante di fornire la somma di tutta la conoscenza a tutti.

Cordiali saluti,

Maggie Dennis


[1] Prendo in prestito il linguaggio delle Nazioni Unite, qui: https://www.un.org/en/genocideprevention/documents/UN%20Strategy%20and%20Plan%20of%20Action%20on%20Hate%20Speech%2018%20June%20SYNOPSIS.pdf.